Benvenuto nel Mondo Centro stampa Digitalprint

Grafica, stampa, finiture, confezione, plastificazione, e molto altro. Tutto ciò che serve sapere sul fantastico mondo della stampa. Continua »

Quinto Protti, Presidente della Digitalprint, ci racconta l\\\'innovativo percorso che ha affrontato la sua azienda per essere, oggi, leader in italia nella Stampa Digitale. Continua »

 

Tag Archives: carta FSC

Carta riciclata: la soluzione più green per preservare l’ambiente

carta riciclataIn un mondo sempre più attento all’eco-sostenibilità, sono sempre maggiori i settori in cui vengono utilizzati materiali alternativi o di riciclo ottenendo comunque dei risultati più che soddisfacenti. Tra questi, anche l’industria cartacea ha fatto passi da gigante in questo senso, al punto da ottenere carta di altissima qualità e bianchissima e da soddisfare in questo modo gli standard richiesti dall’industria grafica a costi molto più competitivi e convenienti.

Sono oramai innumerevoli gli usi della carta riciclata. Si parte da comuni imballaggi, che rappresentano la percentuale maggiore di rifiuti solidi, per arrivare alle carte ad uso grafico ad esempio nella stampa di giornali e riviste, nella stampa di libri.

Carta riciclata un piacere e un dovere alla portata di tutti

carta riciclataIl riciclo dei materiali è oggi fondamentale per la salvaguardia del Pianeta. Non solo si può evitare di accumulare i rifiuti nelle discariche, ma si introduce un vero e proprio mercato con il fine di salvaguardare le risorse naturali. In coerenza a quanto affermato si ricorre in maniera via via crescente all’utilizzo di carta riciclata.

Soppiantando le voci di coloro che nell’era digitale volevano farla sparire, oggi sempre più società si avvicinano alle iniziative per l’utilizzo della carta riciclata.

Oltre ad un risparmio economico, il guadagno intrinseco risiede proprio nel poter prendere parte ad un progetto di salvataggio dei polmoni verdi del globo. L’utilizzo di carta riciclata si avvicina alle più comuni tendenze editoriali del momento. Sono parecchi i produttori di libri che si stanno preoccupando di aderire al progetto “salvaforeste”.

Carta riciclata: le differenze fra carta bianca e carta riciclata

carta bianca vs carta riciclataNegli ultimi decenni si sta diffondendo sempre di più la consapevolezza che le risorse del nostro Pianeta non sono infinite e questo ha portato sempre più persone ad orientarsi verso uno stile di vita più “green”.

Uno dei tanti cambiamenti che si può adottare per ridurre il proprio impatto sull’ambiente è la scelta della carta riciclata.

Nonostante sia disponibile in commercio da anni, non tutti hanno ancora ben in mente le differenze esistenti tra carta bianca e carta riciclata, quindi è giunto il momento di fare un po’ di chiarezza.

Carta: differenze tra ecologica, riciclata, FSC

carta ecologicaQuando si parla di carta, esistono diverse definizioni che non sempre sono comprese da tutti e che possono creare parecchia confusione fra carta ricavata da cellulosa (come la carta FSC) e riciclo. La carta bianca non è l’unica a provenire dagli alberi e, di conseguenza, esistono tipologie di carta che, pur essendo diverse da quella bianca, possono anch’esse provenire dalla cellulosa.

La carta ecologica

La carta bianca è ottenuta legando le fibre di cellulosa degli alberi attraverso l’uso di collanti. Inoltre, il colore bianco è dato da una tecnica denominata sbiancamento: tale operazione avviene attraverso l’utilizzo del cloro.

Il Forest Stewardship Council e la carta FSC: realtà sempre più presenti

Forest Steward CouncilIl Forest Stewardship Council – altresì chiamato FSC h- è un’organizzazione internazionale non governativa, senza scopo di lucro ed indipendente, con l’obiettivo di salvaguardare la gestione forestale e i prodotti che derivano da essa, come la carta. La carta FSC è quindi il prodotto finale di una serie di trattative e accordi presi dalle organizzazioni facenti parte del FSC.

Una breve storia sul Forest Stewardship Council: dopo che l’Earth Summit a Rio del 1992 fallì miseramente nel creare un accordo per fermare la deforestazione, un gruppo di aziende, industrie, proprietari forestali e terrieri, associazioni, gruppi ambientalisti e sociali si unisce per creare l’ONG in questione.

Come si distribuiscono le foreste primarie nel Mondo?

FORESTE PRIMARIESecondo Greenpeace, ogni due secondi viene danneggiata e distrutta una porzione di foresta che misura quanto un campo di calcio.

Le foreste primarie sono aree di foresta naturale, ampiamente contraddistinte da eventi naturali e nelle quali l’impatto delle attività umane è ridotto e circoscritto. Le foreste intatte corrispondono ad ampie aree di foreste primarie non frammentate. L’80% circa delle foreste primarie è andato distrutto o è comunque è stato compromesso a causa del degrado umano.

Nella maggior parte dei casi la causa dipende da pratiche di taglio illegali o distruttive in paesi del mondo come Canada, Indonesia, Finlandia, Russia, Brasile, e Africa: in queste regioni ciò che resta delle foreste primarie rischia di essere compromesso o di andare perduto.