Benvenuto nel Mondo Centro stampa Digitalprint

Grafica, stampa, finiture, confezione, plastificazione, e molto altro. Tutto ciò che serve sapere sul fantastico mondo della stampa. Continua »

Quinto Protti, Presidente della Digitalprint, ci racconta l\\\'innovativo percorso che ha affrontato la sua azienda per essere, oggi, leader in italia nella Stampa Digitale. Continua »

 

Carta riciclata: il processo di riciclo della carta

carta-riciclataL’importanza della carta riciclata

Riciclare la carta è un’operazione saggia e dal grande valore in termini di risparmio delle risorse del nostro mondo.

La carta viene prodotta utilizzando la cellulosa degli alberi, fondamentali per la sopravvivenza del nostro pianeta in quando produttori di ossigeno: si calcola che siano circa 300 milioni le tonnellate di carta prodotte ogni anno, con conseguente abbattimento di intere foreste.

La carta riciclata, dunque, permette un notevole risparmio di risorse naturali, energetiche ed economiche.

Come funziona il processo di riciclo della carta

Ma come funziona il processo di riciclo?

La carta è composta da fibre di cellulosa tenute insieme da collanti. La carta riciclata altro non è che il risultato di un’operazione opposta, basata sulla distruzione dei collanti e sulla separazione delle fibre, così da poterle nuovamente utilizzare per comporre altri fogli di carta.

Nel caso della carta stampata, al foglio viene applicato un ulteriore trattamento volto ad eliminare l’inchiostro e per questo chiamato “disinchiostratura”.

Prima di entrare nel dettaglio, è giusto partite dalla base di questo processo.

Non esiste riciclaggio senza raccolta differenziata

La raccolta differenziata, pur non rientrando nel processo di riciclo della carta, è un passo fondamentale per la composizione della carta riciclata. Il perché è presto detto: se la carta finisce nelle discariche invece che negli impianti appositi, non è possibile alcun riciclo.

Oltre ad inquinare l’ambiente, la carta andrebbe persa per sempre, causando un enorme spreco di risorse: in Italia, infatti, la carta ed il cartone rappresentano addirittura il 30% del totale dei rifiuti prodotti. Il primo passo, dunque, è fare il proprio dovere di cittadini e permettere agli impianti di avviare un’attenta selezione della carta da riciclare.

Le tappe del processo di riciclo della carta

Dopo aver eliminato le impurità nelle apposite piattaforme di selezione, i materiali vengono pressati in balle e spediti alle cartiere per essere riciclati. Il primo processo cui viene sottoposta la carta è lo spappolamento: i maceri vengono posizionati in una particolare vasca per sciogliere i collanti e separare le fibre della cellulosa.

Lo spappolamento produce una poltiglia che viene successivamente decontaminata, per eliminare eventuali corpi estranei residui come plastica, vetro e metallo. Se la carta presenta tracce di inchiostro, è in questa fase che avverrà la disinchiostratura: dalla qualità e profondità dell’operazione dipenderà il grado di bianco della carta riciclata. Una volta effettuati questi procedimenti, il risultato sarà una pasta che le cartiere potranno utilizzare per comporre nuovi fogli di carta, di cartoncino e di cartone riciclati.

I nuovi materiali prodotti dal processo di riciclo della carta

La carta riciclata non è importante solo per la natura e per l’economia del nostro paese.

Il processo di riciclaggio, infatti, consente di ottenere dai maceri e dai materiali scartati delle tipologie di carta particolarmente utili in ambito industriale: l’eco-allene, la carta-latte e la carta-frutta. Si tratta di materiali particolarmente resistenti e composti dalle particelle di polietilene e di alluminio estratte dai maceri purificati, come nel caso dell’eco-allene, spesso utilizzato nel campo dell’edilizia e persino nella creazione di articoli di bigiotteria.

About admin

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>