Benvenuto nel Mondo Centro stampa Digitalprint

Grafica, stampa, finiture, confezione, plastificazione, e molto altro. Tutto ciò che serve sapere sul fantastico mondo della stampa. Continua »

Quinto Protti, Presidente della Digitalprint, ci racconta l\\\'innovativo percorso che ha affrontato la sua azienda per essere, oggi, leader in italia nella Stampa Digitale. Continua »

 

Porta tutto in stampa: ecco come preparare il file di stampa

come preparare il file di stampaIl tuo file è pronto per essere stampato mediante la piattaforma web-to-print del Centro Stampa Digitalprint Rimini. Il prossimo passo, ora, prima di completare definitivamente il processo di ordine online, è quello di verificare che il file che desideri stampare online sia graficamente conforme ai parametri di stampa richiesti dal portale.

Per ottenere un prodotto stampato eccellente, come bisogna preparare correttamente il file Pdf e quali sono gli elementi di settaggio cui devi prestare maggiore attenzione, per essere davvero certo che il tuo file sarà stampato esattamente come lo desideri?

I requisiti principali di un file ben confezionato riguardano principalmente:

  • Incorporazione font;
  • Compressione in estensione .jpeg, unita alla massima massima qualità (300 dpi);
  • Formato: abbondaggio, colori Pantone, segni di taglio.

Il formato del file: come assicurarsi che venga rifilato e tagliato nel modo giusto?

Uno degli elementi più importanti per garantire al vostro ordine online la buona riuscita, sia nella stampa offset che in quella digitale, è quello di controllare l’abbondaggio o margine di sicurezza del file, ovvero lo spazio che intercorre fra l’ambiente di lavorazione e il limite più esterno del foglio. Per far sì che il vostro foglio non venga ritagliato nei punti “sbagliati”, cancellando parti importanti del documento o creando fastidiosi bordini bianchi causati da un minimo spostamento della carta durante il taglio, è opportuno aggiungere, alla dimensione del vostro foglio, 3 mm di abbondanza per ogni lato.

Ad esempio per un prodotto con stampa al vivo che, una volta rifilato, dovrà misurare 210 x 297 mm, è indispensabile preparare un file che misuri 216 x 303 mm, prevedendo dai 3 mm ai 5 mm di abbondanza intorno al foglio finito.

I margini di abbondanza servono a definire la zona entro cui mantenere testi ed elementi grafici creati, evitando che questi vengano tagliati durante tutte le lavorazioni successive alla stampa.

Attenzione al Pantone!

Per prima cosa controllate sempre la risoluzione grafica del file inviato. Talvolta può capitare che, per alleggerire i file durante la lavorazione, si tenda a ridurne la risoluzione, portandoli a basse rese. Per questo, prima di inviare il file per la stampa, è altamente consigliato verificare di aver inserito le immagini in alta risoluzione, ovvero in 300 dpi.

Altro elemento importante da controllare è il profilo colore. Monitor e telecamere, di norma, utilizzano uno spazio di colore in RGB (Red, Green, Blue – Rosso, Verde, Blu). Questi colori, però, non possono essere riprodotti in stampa, in quanto sia la stampa offset che la stampa digitale necessitano della stampa in QuadricromiaCYMK (Ciano, Magenta, Giallo e Nero).

Se desiderate che il vostro documento, una volta stampato, presenti un colore Pantone specifico e volete essere certi che la tipografia stampi esattamente quel colore, senza alcuna variazione cromatica tollerata, tenete presente che la stampa dei colori Pantone è concessa solo nella stampa offset. Nella stampa digitale può essere effettuata solo la stampa classica in CYMK. La scelta del profilo colore, in percentuali CYMK, serve a fornire allo stampatore indicazioni più precise in merito alle caratteristiche del colore che dovrà essere stampato. Se non viene impiegato il profilo colore, ovvero la tabella che indica, per ogni combinazione di percentuali CYMK, le coordinate colorimetriche da stampare, non saremo mai sicuri del risultato finale ottenuto.

La stampa del colore Pantone o V Colore presenta costi maggiori rispetto alla classica stampa in quadricromia, in quanto per realizzarla occorre utilizzare 5 lastre di stampa in luogo di 4. Si tratta, inoltre, di un procedimento di stampa più lungo ed articolato, in quanto la lastra deve essere preparata appositamente. La stampa del V colore è però la scelta consigliata soprattutto quando si ha la necessità di stampare colori esatti, ad esempio nel caso di un marchio o di un logo identificativo di un’azienda, in cui i colori devono essere rispettati nei minimi dettagli.

Verifica sempre i segni di taglio

La linea di taglio è quella linea immaginaria che si trova in corrispondenza dei crocini di stampa e che verrà eliminata durante il rifilo. Per evitare che vengano tagliati testo e immagini importanti, è importante che venga sempre verificato che il file impaginato stia all’interno dei crocini, per tutto lo spazio che è necessario, ovvero almeno 3 mm dalla linea di taglio.

About redazione
La redazione del Centro Stampa Digitalprint è composta da dipendenti e collaboratori che vogliono condividere le loro competenze e conoscenze, attraverso questo Blog. Se anche tu sei un appassionato del mondo delle Arti Grafiche e ti piacerebbe scrivere insieme a noi, inviaci una email all'indirizzo: redazione@stampareblog.it .

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>