Benvenuto nel Mondo Centro stampa Digitalprint

Grafica, stampa, finiture, confezione, plastificazione, e molto altro. Tutto ciò che serve sapere sul fantastico mondo della stampa. Continua »

Quinto Protti, Presidente della Digitalprint, ci racconta l\\\'innovativo percorso che ha affrontato la sua azienda per essere, oggi, leader in italia nella Stampa Digitale. Continua »

 

Cosa accade quando l’Hipster incontra la creatività dei graphic designer

stampa_hipsterL’hipster è uno stile grafico, una tendenza creativa estremamente moderna che esprime ed incarna perfettamente un modo nuovo di intendere l’arte e tutte le sue espressioni.

Oggi il termine “hipster” si riferisce al sottobosco culturale dei giovani moderni, formatosi soprattutto a partire dal 2010 come espressione del loro nuovo atteggiamento di sensibilità e vicinanza nei confronti della moda non convenzionale e progressista, volutamente lontana dalla tradizione più rigorosa e classica. Il termine è stato introdotto nel 1940, durante l’era del Jazz, per identificare i bianchi, della classe borghese, innamorati del Jazz e della nuova musica afroamericana.

Nell’arte e nel mondo del graphic design questo spirito anticonformista si traduce nella volontà di sovvertire gli schemi, gli stereotipi e i patterns tradizionali, creando forme nuove e fantasiose e reinterpretando in chiave originali quelle del passato.

Nel design lo stile Hipster prende elementi dal passato, per fonderli con le tendenze contemporanee. Secondo Shutterstock, questa corrente stilistica sarà una delle più utilizzate dai graphic designer per le applicazioni creative.

I segni distintivi dello stile hipster

Cosa deve avere un’applicazione creativa per potersi definire davvero “hipster”?

Per prima cosa, un design per essere hipster deve avere un look vintage: l’effetto ricreato deve essere quello di un vero e proprio tuffo nel passato, una sorta di “restauro” grafico.

Per generare una simile atmosfera, la prima cosa da fare è utilizzare una grande varietà di elementi visivi, in particolare i colori. I graphic designer più hipster amano i colori meno saturi: tonalità di marrone e beige o colori chiari e freddi, come il blu e il verde, oppure colori all’apposto della tavolozza cromatica, come il bianco e il nero.

Lo stesso effetto può essere ricreato tramite il ricorso ad immagini con filtri fotografici particolari, come il grunge, il ribbon, lo starburst, oppure tramite l’utilizzo di adesivi.

Quello hipster è un look dal design minimalista, semplice, pulito e molto incentrato sui testi e la componente tipografica, vera protagonista delle applicazioni create con hipster. Largo quindi ai font vintage o “old style”, capaci di evocare un forte sentimento di coinvolgimento nei confronti del passato.

Regala la magia un po’ retrò del vintage ai tuoi prodotti stampati

Nella moda, nella tecnologia, nel graphic design, nel web, persino nella carta stampata e nell’artigianato: tutti i campi e le espressioni dell’arte sono state letteralmente conquistate e sedotte da questo nuovo stile creativo, davvero originale e ricercato.

Se vuoi dare un tocco glamour e un po’ retrò ai tuoi prodotti commerciali, che siano etichette, biglietti da visita, adesivi, calendari, cataloghi e brochure, l’hipster è il look grafico più giusto ed adatto alle esigenze pubblicitarie della tua azienda.stampa_calendario

About redazione
La redazione del Centro Stampa Digitalprint è composta da dipendenti e collaboratori che vogliono condividere le loro competenze e conoscenze, attraverso questo Blog. Se anche tu sei un appassionato del mondo delle Arti Grafiche e ti piacerebbe scrivere insieme a noi, inviaci una email all'indirizzo: redazione@stampareblog.it .

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>